19 - 27 Novembre 2021

Produzione di mappe di land use

Costruzione di mappe attraverso immagini da satellite come strumento aperto per l'analisi territoriale a supporto dei progetti di cooperazione

COSA IMPARERAI
  • Cercare e scaricare il set di immagini satellitari necessario per le attività di analisi
  • Preparare il data set in base alle necessità individuali
  • Calcolare indici tematici ed interpretarli
  • Creare mappe di uso del suolo, e cambiamenti dello stesso in un arco temporale definito usando diverse procedure in funzione dell’accessibilità della zona di indagine e/o dei dati disponibili
  • Valutare precisione e statistiche relative alle classificazioni effettuate

DOCENTI
Giuliano Ramat

Giuliano Ramat

Esperto GIS

Laureato in Scienze Forestali, completa la sua formazione con il Master in Geomatica e Valutazione delle risorse Naturali presso lo IAO di Firenze con cui lavora dal 2000 al 2005 dopo un’esperienza come fotointerprete per il progetto FAO-AFRICOVER in Kenya. Ha ricoperto ruoli di coordinatore progetto in Algeria, Afghanistan, Pakistan e di esperto GIS in Algeria, Tunisia, Libia, Egitto, Somaliland e Cipro all’interno di incarichi per l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, ONG e consorzi privati.

Ha maturato una vasta esperienza di docenza su GIS, Telerilevamento e raccolta dati in campo nel quadro di Master universitari, progetti di cooperazione internazionale in Asia ed Africa, e curando sia l’organizzazione che la realizzazione di numerosi cicli di formazione online usando principalmente tecnologie Open Source al fine di assicurare una completa sostenibilità delle tecniche adottate.

Maurizio Foderà

Maurizio Foderà

Esperto topografo

Laureato Topografo esperto dal 1995, svolge la libera professione come Professional Land Surveyor and GIS Consultant e ha realizzato molti GIS e webGIS per enti pubblici e privati. Da alcuni anni si occupa di formazione in corsi GIS per aziende private, Istituti Tecnici Superiori, per AGIT e per ONG 2.0.


DESCRIZIONE

Durante il laboratorio, organizzato in due fasi successive, i partecipanti analizzeranno una porzione di territorio attraverso l’uso di immagini da satellite open.

Le immagini scaricate saranno condivise e la prima parte dell’esercizio consisterà nel ritagliarle in base ad un poligono che identifica una zona ben definita e creare una classificazione del territorio in classi omogenee usando sia le informazioni direttamente legate alle singole bande dell’immagine che quelle derivate attraverso l’uso di indici tematici.

Nella seconda fase dell’esercizio, i partecipanti riclassificheranno la stessa porzione di territorio usando però il supporto di dati raccolti in campo e producendo quindi una classificazione di uso del suolo supportata da punti di controllo a terra.

La stessa procedura verrà replicata sulla medesima porzione di territorio ma usando una immagine acquisita in un periodo antecedente per poter quindi derivare una carta di cambio di uso del suolo fra due date successive.

Le classificazioni, relative ai due periodi diversi, saranno oggetto di ulteriori analisi per determinarne la precisione e le statistiche per ogni singola classe di uso del suolo.

Il laboratorio si attiverà con un minimo di 10 partecipanti; il limite massimo è invece di 20, per consentire un alto livello di interazione e tutoraggio per ogni partecipante.

Per garantire la qualità della didattica, è richiesto di svolgere un test di ammissione, per la verifica delle competenze di base (leggi sotto per maggiori info).


A CHI SI RIVOLGE IL LBORATORIO

Per poter partecipare al laboratorio è necessario possedere i seguenti requisiti:

  • Conoscenza di base di QGIS (tipi di formato vettoriale e raster e loro caratteristiche, sistemi di riferimento spaziale/sistemi di coordinate).

Compila il test qui sotto per verificare le tue competenze e iscriverti al laboratorio.

Una volta compilato, il test sarà revisionato dagli insegnanti e in pochi giorni riceverai via mail il risultato!


CHE TIPO DI IMPEGNO È RICHIESTO

Il laboratorio durerà 12 ore; le lezioni si svolgeranno al venerdì sera e al sabato mattina, per permettere la partecipazione anche di coloro che lavorano.

Il laboratorio ha un taglio estremamente pratico, con numerose esercitazioni che si svolgeranno nelle ore del laboratorio stesso. Proprio per questo, il numero dei partecipanti sarà limitato a non più di 20, così da permettere un tutoraggio diretto efficace, da parte dei due docenti verso i partecipanti. Oltre al tempo per lo studio e il ripasso personale non è richiesto un impegno di lavoro a casa.


IL PROGRAMMA

17:00 – 20:00 : Aspetti teorici, lezione frontale

  • Cenni sul Telerilevamento e sull’uso delle immagini satellitari
  • Introduzione alle immagini open Sentinel e Landsat: specifiche tecniche e quali servizi usare per cercarle e scaricarle
  • La composizione falso colore per ottenere informazioni che vadano oltre a quello che si vede con l’occhio umano
  • Mosaicare una o più immagini e ritagliarle usando un’area definita

9:30 – 11:00 : Presentazione finalità esercizio, obiettivi, metodologia, dati

  • La classificazione automatica con clustering: come suddividere l’immagine in maniera speditiva in aree omogenee per uso del suolo
  • Assegnare un uso del suolo ad ogni classe identificata
  • Riclassificazione per intervalli 
  • Calcolo degli indici tematici più comuni a partire dalle bande scaricate

11:00 – 12:30 : Esercizio individuale. 

  • Una immagine satellitare verrà assegnata affinché venga ritagliata per poter eseguire una classificazione automatica con clustering. Si dovranno inoltre calcolare degli indici e riclassificare i risultati secondo intervalli predefiniti

17:00 – 20:00 : Aspetti teorici, lezione frontale

  • Il plugin SCP di QGIS: come cercare e scaricare un’immagine filtrando le bande di interesse. 
  • Creare e visualizzare in varie composizione di colori un band set multibanda.
  • Creare, disegnare o importare le Regioni di Interesse (ROI) ovvero aree di cui si conosce il reale uso del suolo.
  • Effettuare una classificazione supervised di uso del suolo attraverso verità puntuali sul territorio.
  • Come realizzare una carta di cambiamenti di uso del suolo (land cover change).

9:30 – 11:00 : Esercizio individuale.

  • L’immagine precedentemente classificata in maniera unsupervised-clustering sarà oggetto di una nuova classificazione con metodo supervised. Verrà inoltre fornita una seconda immagine della stessa zona acquisita in un periodo antecedente. Verranno prodotte le ROI necessarie e successivamente derivate le due classificazioni così come una carta di land use change.

11:00 – 12:30 : Revisione risultati e finalizzazione

  • Presentazione  e discussione dei lavori prodotti.
  • Creazione dell’indice di precisione della classificazione (accuracy)
  • Esportazione delle le statistiche di base delle classificazioni.
include
  • 12 ore di formazione in diretta online
  • Esercitazioni guidate, individuali e di gruppo
  • Digital badge sulle competenze acquisite e attestato di frequenza